Archivi tag: tuak

Gulai kepala ikan

Molto diffuso nei paesi del sud est asiatico è il Gulai kepala ikan, praticamente un curry di teste di pesce.

Molti di voi avranno già notato che nelle teste di pesce è racchiusa la quintessenza del sapore stesso, tant’è che vengono usate, insieme alle carcasse, per creare dei bouillon senza pari.

Potete dunque immaginare che spettacolo possa divenire un curry cucinato con teste di pesce…

Per la ricetta della settimana ho dunque scelto una variante particolarmente appetitosa, quella achenese:

Servono:

 3 teste di pesce belle grandi, tagliate in due
 1 lime
olio q.b.
 foglie di curcuma
 2 bei lemongrass
 foglie di lime
 600 ml latte di cocco (ottenuto da una noce di cocco grattugiata)
5 peperoncini rossi freschi tagliati in due
5 peperoncini verdi freschi tagliati in due
3 tamarindi canditi

10 scalognetti
4 spicchi d'aglio
pepe q.b.
5 kemiri macinati
1 radice di galangal
1 radice di curcuma
1 radice di zenzero
sale q.b.

Buon appetito
Annunci

Rendang

A Xeena serve una ricetta veloce per oggi a pranzo.

Le ho promesso il Rendang, ma siccome sono bastardo, (e oggi ho poco tempo per tradurla), la posto in lingua originale:

Link ricetta

Ricetta:

Sebentar lagi lebaran, disuasana ini setiap keluarga berbenah dan bergembira menyambut hari berbahagia tersebut.
Diantaranya dengan menyiapkan aneka macam masakan untuk keluarga dan kerabat.
untuk melengkapi keceriaan dalam keluarga, lewat blog ini saya hadirkan resep membuat masakan Padang yaitu Rendang.
selamat mempelajari.

Bahan :

  1. 1 kg Daging sapi (potong kecil-kecil)
  2. Kelapa 2 butir
  3. Bawang secukupnya
  4. Pala
  5. Dasun Tongga (kerdamunggu)
  6. Daun Kunyit 3 lembar
  7. Serai 10 centimeter, memarkan
  8. Daun salam 4 lembar
  9. Cabe 1 ons (atau secukupnya)

Membuat Bumbu :

  1. Parut kelapa.
  2. Kelapa yang diparut pisahkan satu genggam atau beberapa gram untuk di Oseng.
  3. Oseng kelapa sampai kekuning kuningan dan berbau harum.
  4. Kelapa yang di oseng dihaluskan sampai keluar minyak dan encer(digiling pada batu gilingan jangan diblender untuk mendapatkan cita rasa yang khas Sumatera Barat). Setelah halus pisahkan dalam mangkok.
  5. Sisa kelapa yang lain di peras, pisahkan antara santan kental dan encer.
  6. Giling cabe, kira-kira cabe hampir halus giling juga bawang, pala, dasun tongga sampai halus. Setelah halus pisahkan dulu dalam mangkok.

Mulai memasak :

Siapkan semua bumbu didalam kuali, masukkan daging, Aduk sampai rata.

Setelah daging dan bumbu bersatu, tambahkan santan kental,dan masak pada api yang sedang.

Aduk terus kuah jangan sampai pecah. Setelah mendidih tambahkan santan encer sisanya.

Aduk terus sampai berminyak, sampai tahap ini rendang sudah siap untuk disajikan layaknya gulai pada masakan padang yang lain.

Pada rendang ada cirikhasnya yaitu dengan warna yang coklat kehitam-hitaman, ini akan didapat jika rendang sudah dipanaskan beberapa kali.

Estimasi lama memasak : 2 jam.

Selamat mencoba dan,

Jangan lupa ngajak-ngajak makannya kalau udah matang

Sorpotel

Se è vero che si mangia anche con gli occhi, non vi verrebbe voglia di tuffarvi subito nel piatto raffigurato qui sopra?

Se la risposta è affermativa, allora siete pronti per cucinarvi un bel Sorpotel per il fine settimana.

Il Sorpotel è un piatto per le grandi occasioni che si prepara a Goa, un ex colonietta portoghese sulla costa occidentale dell’India.

Nessun altra pietanza racchiude meglio del Soprtel le diverse influenze gastronomiche che hanno plasmato la cucina goana.

Intanto procuratevi:

1 kg di maiale disossato

1 fegato di maiale, 1 cuore, 1 lingua, 2 reni
½ litro d’acqua
12 peperoncini rossi secchi (possibilmente dal Kashmir)
12 grani di pepe
12 spicchi d’aglio
1 bel pezzo di zenzero
1 cucchiaino di semi di cumino
8 chiodi di garofano
2 pezzi di cannella
½ bicchiere di aceto
olio vegetale q.b.
1 spruzzata di coconut feni
sale q.b.
6 peperoncini verdi freschi
4 cipolle medie

Adesso, lavate tutta la carne e lasciatela bollire con l’acqua, a coperchio chiuso, per 20 minuti. Poi tagliate il tutto a cubetti. Mi raccomando, tenete da parte l’acqua di cottura.

Ora se avete un bel mortaio grande, metteteci tutte le spezie, esclusi i peperoncini verdi e la cipolla. Se non ce l’avete…usate la moulinette. Metteteci anche l’aceto, e pian piano si formerà una pasta eccezionale!

Adezzo in un Tigelam (o una bella pentola) fate scaldare l’olio e passateci i cubetti di carne per una bella rosolata.

Aggiungete la pasta ottenuta poc’anzi, e cuocete il tutto per 5 minuti. Regolate di sale, aggiungete il Feni, l’acqua di cottora della carne, la cipolla tritata e i peperoncini verdi a rondelle.

Lasciate cuocere per almeno 45 minuti, et voilà il vostro Sorpotel l’è bello che cotto.

Ma attenzione, il Sorpotel diventa più buono due o tre giorni dopo la cottura!!!

Da mangiare assolutamente insieme a dei Sannas, che sono delle tartellette di riso.

Buon appetito!

Rafflesia

Non so perchè, ma oggi mi è venuto in mente il fiore più grande del mondo, che vidi tanti anni fa nei pressi del lago Maninjau. Non ha molto a che fare con il cibo, e non è nemmeno commestibile. Ha però la particolare caratteristica di puzzare di cadavere, il che attira un sacco di insetti. Una pianta straordinaria!

La pianta si chiama Rafflesia, in onore di sir Raffles, che la scoprì nel 1818. Credo che anche l’Hotel Raffles di Singapore sia a lui dedicato. E qui apro una parentesi.

Questo Hotel, quasi impagabile, merita comunque una visita almeno al bar, perchè qui, nel 1915, un barista di nome Ngiam Tong Boon, ha creato il Singapore Sling. Il cocktail in questione si beve ancora oggi, ma pochi lo fanno come si deve…

…e se proprio vi capita di andarci in questo periodo, dovete assolutamente assaggiare (e comperare per casa) i mooncakes.

Sono dolci  della tradizione cinese. La leggenda vuole che servirono per recapitare messaggi segreti durante la liberazione dai mongoli. Vengono fatti solo per le festività autunnali, e sono strepitosi. Ce n’è di diversi tipi, con noci di vario tipo, tè verde, durian, semi di loto, uovo, doppio uovo, ecc…

I miei preferiti sono quelli al durian:

Quelli dell’Hotel Raffles te li porti via in una elegante scatola di latta:

Roba da muridi

Un’ importantissima notizia dall’università di Bayreuth, in Germania, riportata anche dal corriere della sera. Scovato in Malaysia un topo che beve l’equivalente di 9 birre al giorno!

Trattasi del Ptilocercus lowii.

Il piccolo muride beve tutti i giorni il nettare alcoolico (3,8 %) di una palma particolare.

Che sia la stessa del tuak?

Ecco anche un simpatico filmato.

Buon fine settimana!

Io sarò con le due pesti in un Piratencamp, e fino a domenica mi chiamerò Barracuda Jim. Cose che capitano.

Penang

Penang

Penang

Ogni tanto nella vita si incontrano delle città che ti rimangono nel cuore, per un motivo o per l’altro. Una che mi rimarrà sempre impressa per la quantità e la qualità di cibo presente è Penang, che in realtà non è una città ma un isola. La città si chiamerebbe George Town, ma non è la stessa cosa…

In questa città vivono circa un terzo di musulmani, un terzo di indu e un terzo di buddisti (Malesi, Indiani e Cinesi). E se devo essere sincero ci vivono anche bene, ben integrati e tranquilloni.

Grazie al suo essere di frontiera, ha sviluppato una varietà culinaria che cerca i suoi eguali nel mondo.

Bando alle ciance, adesso vi mostro cosa si incontra ovunque sulle strade di Penang, e voi scegliete un piatto che vi piace.

Se riesco a riconoscerlo, provo a spiegarvi cos’è…;-)

Mezze

Per oscuri motivi non molto popolare in Italia, ma apprezzatissima nel resto del mondo è la cucina libanese. Senza provare a indagarla per intero, soffermiamoci sugli antipasti: i mitici Mezze, o Mezzeh che dir si voglia.

Nella maggior parte dei casi è difficile mangiare qualcosa dopo i Mezze, ma con un buon allenamento e tanto tempo a disposizione…

Intanto i Mezze non si ordinano! Ci si fa portare tutti quelli a disposizione, tanto per cominciare a capire con che tipo di ristorante hai a che fare.

Come companatico arrivano dei Khubz caldi, detti anche Pitta:

Chiaramente nei ristoranti “seri”, a completamento del lauto pasto, c’è un intermezzo culturale che viene in genere apprezzato con battito di mani e gridolini vari:

Ah, dimenticavo…mentra si mangia una tavolata di Mezze, è d’obbligo spararsi una Shisha:

Shisha

Shisha

Ed ora una bella lista di tutto quello che dovrebbe esserci quando si ordinano Mezze:

TABOULEH

FATTOUSH

KIBBE

Questi 3 DEVONO esserci!!! Poi:

Toum: pasta d’aglio
Taratour: salsa di pasta di sesamo
Mohamara: salsa di peperoncino
Tahini: burro al sesamo

Pistacchi
Semi di zucca
Olive

Hummus : pasta di ceci con aglio, ecc..
Babba Ghanouj: purè di melanzane arrostite e olio d’oliva
Foul Moudammas: fave in olio d’oliva
Batinjan Moutabbal: melanzane in salsa di sesamo
Warak Inab: foglie di vite stufate
Msakaet al Bathenjan: casseruola di melanzane
Batata bil Kizbara: patate con coriandolo
Fattet Bathenjan: melanzane con yoghurt
Fattet Hummus: ceci con yoghurt
Falafel: polpettine di ceci
Chamandar: rape rosse in olio d’oliva
Hindbeh: cavolo speziato
Batata bil Toum: patate con aglio
Batrakh: uova di pesce affumicato con aglio
Moujaddara: lenticchie
Harra: pesce con olio di sesamo, cipolle e peperoni
Kafta: polpette di carne con prezzemolo e cipolle
Labne: pasta di yoghurt secco
Fatayer: tortino agli spinaci
Kibbi Nayyeh: carne cruda
Kibbi Krass : polpette fritte
Kibbi bil Laban: polpette in yoghurt
Kibbi Arnabiyeh: polpette con pasta di sesamo
Kasabe: cubetti di fegato d’agnello
Kharuf Mihshi: agnello arrostito
Kafta bil Saniyeh: carne arrosto
Kafta Mikli: kebab fritto
Kafta Mishwi: carne alla griglia
Labanomou: carne cotta nello yoghurt
Shishbarak: tortelli di carne in salsa di yoghurt
Dawood Basha: polpette con cipolla
Lahm Mishwi: spiedini di carne alla griglia

Djaj Mishwi: pollo alla griglia

Shish Taouk: spiedini di pollo alla griglia
Fish Kibbe: polpette di pesce
Kibbit Samak: pesce con bulgur, prezzemolo e limone

Siyadiyyit al Samak: pesce fritto con riso

Samke Harra: pesce alla griglia con pasta di sesamo e pepe
Halloum: formaggio
Mouschalali: altro formaggio

Akkawi: formaggio bianco
Rkakat bi Jibne: sigari di formaggio
Sambousik bi Jibne: frittelline al formaggio
Sambousik bi Lahme: frittelline alla carne
Fatayer bil Sabanikh: frittelline agli spinaci
Sfiha Baalbeckiyeh: una specie di pizzetta
Manakeesch bi Zaatar: frittelline al timo